top of page
  • Immagine del redattoreSports Lex

Juventus - Napoli: e ora? Cosa dice il regolamento

Aggiornamento: 5 giorni fa


Polverone dell’ultima ora riguarda la partita — in programma per questa sera alle ore 20:45 — tra Juventus e Napoli. Il club partenopeo, dopo il provvedimento dell’ASL 1 di Napoli — a seguito del riscontro della positività al COVID-19 dei calciatori Piotr Zielinski ed Eljif Elmas — in cui è stato imposto l’isolamento fiduciario a tutto il gruppo squadra, ha evidenziato l’impossibilità a partire per Torino, con la naturale conseguenza di non poter disputare la gara.


La Juventus, d’altro canto, ha comunicato — tramite una nota ufficiale — che scenderà regolarmente in campo.

In questa situazione di incertezza, occorre evidenziare come vi sia un provvedimento, emanato dalla Lega Serie A, riguardante le “Regole relative a impatto COVID-19: gestione casi di positività e rinvio gare”. Con il provvedimento in questione, la Lega A, “ha deliberato di disporre, in via transitoria, eccezionale e limitatamente alla corrente stagione sportiva 2020/2021 — indipendentemente da quanto disposto da altre norme e/o regolamenti applicabili alla singola competizione e fatti salvi eventuali provvedimenti delle Autorità statali o locali nonché della Federazione Italiana Giuoco Calcio —…particolari regole, volte a garantire il regolare svolgimento della competizione; anzitutto, va sottolineato quanto disposto dal punto 1), ovverosia che “qualora uno o più calciatori dello stesso Club risultassero positivi … la gara … sarà disputata secondo il calendario di ciascuna competizione, purché il Club in questione abbia almeno tredici calciatori disponibili (di cui almeno un portiere), e alla condizione che i suddetti calciatori siano, in ogni caso, risultati negativi ai test che precedono la gara in questione ”. Il numero dei tredici calciatori disponibili — secondo il successivo punto 2) del provvedimento — viene computato tenendo in considerazione tutti i calciatori tesserati per il Club in questione ai quali sia stato assegnato il numero di maglia.

Detto ciò, nel caso in specie, il punto 3) appare esser quello da tenere in maggior considerazione; quest’ultimo dispone che “qualora il Club non sia in grado di schierare una squadra con il suddetto numero minimo di calciatori … quest’ultima … subirà la sanzione della perdita della gara con il punteggio di 0-3 …”.


In merito a questa vicenda il provvedimento della Lega A parla chiaro, il Napoli, di converso, ha sottolineato che sia il protocollo che il provvedimento in questione stabiliscono che le partite si giocano alle condizioni dettate dalla Lega A salvo disposizioni diverse dell’autorità locale; va infatti segnalato che il Napoli, nel caso in cui avesse deciso di partire per Torino e disputare la gara, avrebbe commesso un reato scaturente dal mancato rispetto del provvedimento emanato dall’Azienda Sanitaria Locale.


Per quanto concerne un eventuale rinvio della partita, il punto 4) del sopracitato provvedimento dispone che “qualora, in un arco temporale di sette giorni consecutivi di calendario, dieci o più calciatori del Club … dovessero risultare positivi … il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A disporrà automaticamente il rinvio della prima gara utile nel quale sarà impegnato il Club, che sarà riprogrammata in una data stabiliti insindacabilmente dal Presidente stesso”. Il rinvio è concesso a ciascun Club esclusivamente per una sola volta nel corso della stagione sportiva, indipendentemente dalla competizione nel quale esso sia stato disposto, con la conseguenza che il Club, anche nell’ipotesi in cui vi sia la positività di dieci o più calciatori, dovrà disputare le gare, a patto che abbia almeno tredici calciatori disponibili. In caso di indisponibilità, vi sarà la sanzione della partita della gara a tavolino.


E' interessante notare come la vicenda in questione abbia sollevato una questione di non poco conto, ovvero il rapporto tra l’ordinamento statale e quello sportivo; può una norma sportiva prevalere su una statale? A tal proposito, il legale del Napoli, l’Avv. Mattia Grassani, ha dichiarato che “… la legge sportiva non può essere superiore a quella dello Stato”.


Dott. Mario Piroli

© RIPRODUZIONE RISERVATA – in base alla legge n. 633/1941 sul diritto d’autore, si autorizza l’uso dei contenuti a condizione di citare l’autore come fonte.


Tag: Juventus Napoli rinvio, Juventus Napoli si giocherà, Juventus Napoli tavolino, Juventus Napoli 3 0, Juventus Napoli Covid.

184 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il nuovo contratto di lavoro nel calcio dilettantistico

La Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), la Lega Nazionale Dilettanti (LND) e l’Associazione Italiana Calciatori (AIC) hanno sottoscritto — in data 28 settembre 2023 — l’accordo collettivo nazion

Regolamento Agenti FIFA e Regolamento Agenti FIGC: quo vadis?

Il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna — con il lodo CAS 2023/O/9370 (PROFAA v. FIFA) (di cui è disponibile il download a fondo pagina) — è, di recente, intervenuto circa i potenziali conflitti

コメント


bottom of page