top of page
  • Immagine del redattoreSPORTSLEX.it

La nuova normativa UEFA sulla sostenibilità finanziaria dei club


Dopo l’approvazione del Comitato Esecutivo UEFA, dal giugno 2022 entrerà in vigore la nuova normativa sulla sostenibilità finanziaria dei club, denominata “UEFA Club Licensing and Financial Sustainability Regulations”. Tale nuova normativa va ad impattare e mutare drasticamente l’attuale disciplina — basata sul noto Financial Fair Play (FFP) — e si pone l’obiettivo di raggiungere, per l’appunto, la sostenibilità finanziaria, principalmente mediante 3 norme: no overdue payables rule, football earnings rule e squad cost rule.


La prima norma — c.d. no overdue payables rule — concerne le posizioni debitorie scadute verso i club, i dipendenti, le autorità fiscali e la UEFA ed è già presente nella vigente disciplina sul FFP. La nuova normativa andrà a modificarla parzialmente, assicurando un maggiore tutela ai creditori con controlli a cadenza trimestrale. Tra le novità, l’UEFA Club Financial Control Body considererà come un’aggravante il mancato pagamento di un debito qualora sia scaduto da più di 90 giorni ai fini dell’applicazione delle relative sanzioni.


Per quanto concerne la c.d. football earnings rule, essa rappresenta un’evoluzione della vigente break-even rule, infatti, il calcolo del football earnings sarà simile al calcolo del break-even result. Su tale norma, è stata aumentata la acceptable deviation da 30 milioni di euro in 3 anni a 60 milioni di euro in 3 anni — con la possibilità di essere ulteriormente aumentata per i club che abbiano una buona salute finanziaria — e sono stati rafforzati i requisiti per garantire il valore equo delle transazioni effettuate dai club.


La c.d. squad cost rule rappresenta certamente la novità di maggior rilievo. Essa punta a regolarizzare i costi di gestione del club, al fine di incoraggiare maggiori costi legati alle prestazioni e per limitare l’inflazione di mercato degli stipendi e dei costi di trasferimento dei calciatori. Per la prima volta i club saranno chiamati a non andare oltre il 70% delle loro entrate per le spese relative agli stipendi di allenatori e calciatori, ai trasferimenti e per le commissioni degli agenti sportivi. Il calcolo utilizzato sarà il seguente:


SCR = [ (Employee Benefits Expenses + Amortisation + Impairment + Agents) / (Operating Revenue + transfer profit/loss) ] < 70%


Tale norma verrà introdotta in maniera graduale, con un limite del 90% nel 2023/2024, dell’80% nel 2024/2025 e del 70% nel 2025/2026.


Da ultimo, meritano un cenno le sanzioni a carico dei club nel caso in cui questi non rispettano la normativa sulla sostenibilità finanziaria. L’organo competente continuerà ad essere il CFCB (Club Financial Control Body), il quale potrà irrogare delle sanzioni tipizzate nel regolamento procedurale del medesimo organo. La sanzioni relative al mancato rispetto della no overdue payables rule sono state rafforzate nella nuova normativa e sarà sempre possibile concludere degli accordi transattivi (i c.d. settlement agreement e voluntary agreement). Invece, le sanzioni in caso di violazione della squad cost rule saranno progressive in base alla gravità ed al numero di violazioni commesse.


Dott. Mario Piroli


© RIPRODUZIONE RISERVATA – in base alla legge n. 633/1941 sul diritto d’autore, si autorizza l’uso dei contenuti a condizione di citare l’autore come fonte.


Tag: financial fair play uefa, financial fair play uefa, fair play finanziario 2022, fair play finanziario come funziona, fair play finanziario abolito, uefa cfcb, nuovo fair play finanziario uefa.

170 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page