top of page
  • Immagine del redattoreSPORTSLEX.it

Non applicabile l’istituto della particolare tenuità del fatto nell’ordinamento sportivo

Con la decisione n. 177 depositata il 18 marzo 2024, la Sezione Disciplinare del Tribunale Federale Nazionale della FIGC ha statuito che l’istituto previsto dall’art. 131 bis del Codice Penale - rubricato “Esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto” - non ha riconoscimento nell’ordinamento sportivo.

 

La vicenda processuale trae origine dal deferimento dell’Amministratore Unico e legale rappresentate pro tempore di una società calcistica, per violazione di cui agli artt. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva FIGC (d’ora in avanti CGS) e 33, comma 4, del CGS, in relazione a quanto previsto dall’art. 85, lett. C) , par. V, delle Norme Organizzative Interne della Federazione (NOIF), per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver versato, entro il termine del 18 dicembre 2023, le ritenute Irpef e i contributi Inps relative alle mensilità di settembre e ottobre 2023, nonché della società calcistica medesima per rispondere a titolo di responsabilità diretta della violazione dell’art. 6, comma 1, del CGS vigente, per il comportamento posto in essere dall’Amministratore Unico e legale rappresentante pro tempore e a titolo di responsabilità propria, della violazione dell’art. 33, comma 4, del CGS.

 

La difesa, con memorie, ha sottolineato che il tardivo adempimento è stato dovuto ad una causa di forza maggiore e per tali motivi ha chiesto il proscioglimento dei deferiti e, in subordine, ha invocato la tenuità del fatto.

 

Il Tribunale - si legge nella decisione - ha affermato la responsabilità del soggetto e della società deferita giacché le violazioni contestate risultano provate per tabulas, evidenziando, inoltre, come la causa di forza maggiore invocata dalla difesa è del tutto irrilevante, non emergendo, secondo i giudici, una situazione di irresistibilità. Difatti, la circostanza che all’esito di una partita del 3 settembre 2023, i tifosi ospiti abbiano danneggiato lo stadio della società deferita, comportando intervento delle autorità preposte, con obbligo di disputare le due gare del 1° ottobre 2023 e 15 ottobre 2023 a porte chiuse (la prima anche in campo neutro), così recando un danno patrimoniale di notevole entità alla società deferita, non ha impedito al soggetto agente di compiere l’azione doverosa, mancando, nella fattispecie de qua, l’elemento esterno che esclude la signoria del soggetto sulla propria condotta.

 

Di particolare interesse è quanto il Tribunale ha asserito in relazione all’invocazione della tenuità del fatto operata dalla difesa. Invero, secondo i giudici tale istituto non ha riconoscimento nell’ordinamento sportivo, andando semmai il fatto tenue a trovare riconoscimento nella dosimetria della sanzione. Tale principio, tra l’altro, è conforme a precedente giurisprudenza endofederale, la quale ha sancito che non è possibile la trasposizione tout court all’ordinamento sportivo dell’istituto della particolare tenuità del fatto. Trattandosi, invero, di istituto al quale non può riconoscersi il carattere di principio di diritto “comune”, atteso che la sua applicazione nell’ordinamento penalistico è condizionata non solo da una definizione dettagliata delle circostanze in cui l’offesa non può essere ritenuta di particolare tenuità e il comportamento dell’autore può dirsi abituale, ma anche dalla enunciazione dei limiti edittali dei reati per i quali la punibilità può essere esclusa e delle modalità di determinazione degli stessi limiti di pena. Pertanto, l’adattamento dell’istituto in questione all’ordinamento sportivo comporterebbe la creazione di regole applicative ad hoc da parte del giudice sportivo, che sono invece riservate agli organi federali cui è attribuita la potestà di produzione del diritto (Cfr. Corte Federale d’Appello FIGC, decisione n. 38 del 26 ottobre 2022).


Per consultare la decisione integrale CLICCA QUI.


Dott. Mario Piroli


© RIPRODUZIONE RISERVATA – in base alla legge n. 633/1941 sul diritto d’autore, si autorizza l’uso dei contenuti a condizione di citare l’autore ed il sito come fonte.


Tag: covisoc, covisoc figc, giustizia sportiva, tenuità del fatto 131 bis, particolare tenuità del fatto significato, particolare tenuità del fatto esempio, assoluzione per particolare tenuità del fatto conseguenze, ordinamento sportivo.

40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page